lunedě, 17 dicembre '18.
Sei il visitatore n° 1494150


Albo Pretorio

UFFICI COMUNALI

PIANO STRUTTURALE COMUNALE E REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZO

VARIANTE P.R.G. VIGENTE 2014

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

ATTI COMUNALI

BIBLIOTECA

CALENDASCO INFORMA

UN PO' DI STORIA

TAXI PER I PELLEGRINI

TURISMO


RACCOLTA DIFFERENZIATA > La raccolta porta a porta

La raccolta porta a porta


LA RACCOLTA DIFFERENZIATA




Perché il porta a porta


La raccolta rifiuti diventa una faccenda domestica. Impariamo anche noi a fare la differenza.
Questo lo slogan della campagna di comunicazione promossa dall'amministrazione comunale e da Enìa per sensibilizzare la popolazione sulle nuove modalità di raccolta porta a porta dei rifiuti, entrate in vigore dal 27 novembre 2006.
Sono infatti andati in soffitta i vecchi cassonetti, ad eccezione di quelli per vetro e plastica. Il nostro comune – spiega il sindaco Francesco Zangrandi – è obbligato ad introdurre questo sistema in base a quanto previsto dal Piano provinciale dei rifiuti, elaborato per dare attuazione al Decreto Ronchi prima, e al nuovo Codice dell'ambiente poi. Queste norme, infatti, prevedono il raggiungimento di livelli di raccolta differenziata non inferiori al 50% del totale dei rifiuti prodotti, e il "porta a porta" è stato individuato a livello provinciale come l'unico metodo per conseguire tale obiettivo.
Diversi paesi, in questi anni, lo hanno già avviato: Sarmato, Cortemaggiore, Caorso, Monticelli e Villanova. Il piano provinciale dei rifiuti prevede, entro il 2006, l'estensione di questa nuova modalità di conferimento anche a Castelvetro, dove ha preso avvio il 18 settembre, a Besenzone, dove è stata varata dal 2 ottobre, e appunto a Calendasco. Secondo un calendario già fissato, entro pochi anni si adegueranno anche tutti i comuni vicini al nostro, conclude il primo cittadino.


Le principali ragioni di questo cambiamento, quindi, possono essere riassunte come segue:


- La raccolta tradizionale, con i cassonetti stradali, non è più adeguata per raggiungere i livelli di raccolta differenziata previsti dal Decreto Ronchi e dal Codice dell'ambiente. Queste leggi, infatti, impongono ad ogni comune di differenziare almeno il 50% dei rifiuti prodotti (a Calendasco, prima dell'introduzione del "porta a porta", se ne differenziava solo il 36% circa);


- Il porta a porta è previsto come obbligatorio dal piano provinciale dei rifiuti. Alcuni comuni in cui è già introdotto (Sarmato, Cortemaggiore, Caorso, Monticelli, ecc.) hanno raggiunto livelli di raccolta differenziata molto alti, superiori al 60%;


- Gli impianti tradizionali per lo smaltimento, compreso l'inceneritore di Piacenza, sono ormai all'esaurimento, a fronte di una produzione pro capite di rifiuti in continua crescita. Al tempo stesso, continuano ad aumentare anche i costi di conferimento in discarica o in inceneritore.

TornaTorna 

Unione Comuni Bassa Val Trebbia e Val Luretta

Servizio di TPL extraurbano - Nuova Autostazione

INFORMAZIONI

MI CERTIFICO DA SOLO

IMPOSTE E TRIBUTI COMUNALI

SERVIZI SCOLASTICI

SERVIZI SOCIALI

SERVIZI ON LINE

PARCO DEL TREBBIA - SIC/ZPS

RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO ARIA INTEGRATO REGIONALE (PAIR 2020)

Sondaggi

Partecipa al Sondaggio




Galleria Fotografica

Tutte le immagini presenti nell'archivio fotografico del Comune di Calendasco



In Evidenza


Eventi Dicembre 2018

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
         
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
           
<< Mese Prec


Archivio





Web Site a cura di
Edita S.p.A.